Per offrirti un servizio su misura www.themasrl.it utilizza cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione nel sito ne autorizzi l'uso.  OK   Scopri di più

21 May

Charlotte, NC festeggia il 250° anniversario

inserito da ThemaNuoviMondi

CHARLOTTE, North Carolina: città con 10 ottimi motivi per scoprirla nel suo 250° Anniversario

Città delle Caroline americane con maggior propulsione di crescita, 16° per grandezza negli USA con 2.5 milioni di abitanti. River rafting olimpionico e U.S.National Whitewater Center, alta velocità sulle quattro ruote alla NASCAR Hall of Fame: tutte esperienze che solo qui si possono provare. CHARLOTTE attira per il progressivo mutamento del suo paesaggio urbano in una contesto di giovialità e ospitalità, vantando l’orgoglio longevo di città nella quale risiedere. Ed é per questa sua qualità che il visitatore si sente istantaneamente a proprio agio a Charlotte. Fondata nel 1768 celebra il 250° anniversario nel 2018 e molti sono gli aspetti intriganti che richiamano ad un soggiorno nella città più grande della North Carolina. Dieci sono i buoni motivi per visitarla e scoprirla:

  1. STORIA NASCOSTA – E’ la prima città statunitense a voler l’indipendenza e dove si è tenuta la prima corsa all’oro sono due eventi storici che fanno parte dell’affascinante passato di Charlotte. Ricca la sua storia che si può ripercorrere al The Charlotte Museum of History, al Wells Fargo History Museum ed al Levine Museum of the New South.
  2. ONLY-IN-CHARLOTTE – The Billy Graham Library segue le tracce nel nativo cristiano evangelico Billy Graham nel suo viaggio dinamico da un caseificio ai grandi stadi del mondo. Carowinds invece ospita FURY 325, le più veloci ed alte montagne russe d’ America, mentre lo S.National Whitewater Center presenta il fiume artificiale più grande del mondo per la discesa delle rapide ed il primo complesso permanente di immersioni in profondità!
  3. ELDORADO delle CORSE AUTOMOBILISTICHE – Sede di circa il 90% delle squadre NASCAR, del circuito CHARLOTTE MOTOR SPEEDWAY e della NASCAR HALL of FAME – collegata al Charlotte Convention Center – la città offre esperienze ad alto numero di ottani come in nessun altro luogo.
  4. CITTA’ di SAPORI – Il Downtown che i locali chiamano UPTOWN, vanta oltre 200 punti ristoro che vanno dalla gastronomia regionale, alla nazionale ed ai sapori internazionali; la città ad ogni singolo isolato può offrire la cucina tipica del Sud. Ristoranti quali THE KING’s KITCHEN, THE ASBURY, STOKE CHARLOTTE e MERT’S HEART & SOUL hanno nel proprio menù biscuits, pollo fritto, pesce gatto della North Carolina ed una ricchezza di contorni da far venire l’acquolina in bocca.
  5. KNOW-HOW della VITA NOTTURNA – La vita notturna di Charlotte varia quanto i suoi quartieri. Al tramontare del sole i luoghi caldi dell’intrattenimento quali l’EpiCentre ed AvidXchange Music Factory presentano nightclub a tema, musica dal vivo e piste da ballo.
  6. ROOFTOP BAR – Per godersi splendide vedute dai tetti dello smagliante skyline di Charlotte si può sorseggiare un cocktail al Farenheit Charlotte, al City Lights Rooftop Bar, al Merchant & Trade del Kimpton Tryon Park Hotel oppure al Nuvole Rooftop TwentyTwo, proprio in cima al nuovissimo AC Hotel and Residence Inn Charlotte City Center.
  7. CHARLOTTE alla SPINA – Circa 50 birrifici artigianali hanno sede a Charlotte. Il primi birrificio cittadino Old Mecklenburg Brewery si attiene alle leggi della purezza della birra, invitando entusiasti a godere di una birra ad alta fermentazione in un ristorante d’ispirazione germanica con il biergarden. Produttori di sidro, distillati e locali speakeasy costellano lo scenario progressista del bere in città.
  8. SQUADRE di CASA – Numerose squadre di sport professioniste hanno la propria sede a Charlotte che ospita circa 200 eventi sportivi l’anno. Dai Charlotte Hornets dell’NBA ai Carolina Panthers dell’ NFL, dai Charlotte Hounds del MLL ai Triple-A Charlotte Knights, ai Charlotte Checkers dell’AHL ed infine ai Charlotte Independence dello USL, tra le varie squadre.
  9. SHOPPING FIRMATO – Tra i marchi più esclusivi compresi nella regione tra Atlanta e Washington D.C., la tenuta dello shopping a Charlotte é ad alti livelli. SouthPark Mall presenta firme top mentre Charlotte Premium Outlets e Concord Mills sono famosi per le offerte. Le boutique in città sfoggiano di tutto ed i mercati locali quali 7th Street Public Market, Atherton Mill and Market e Tompkins Hall sono adatti a chi ama artigianato e gastronomia.
  10. ARTE&CULTURA – Dalle musiche di Broadway al Blumenthal Performing Arts, dalle esposizioni d’arte dei famosi musei quali Bechtler Museum of Modern Art al Mint Museum, Charlotte dispone di una scena artistica e culturale per diversi tipi di esperienze. Il Levine Center for the Arts Access Pass offre 48 ore d’accesso a 3 musei top a soli 20$.

Info : TravelSouth USA Italia

TravelSouthUSA@themasrl.it – FB: Travel South USA –  Italiawww.travelsouth.visittheusa.com

18 May

Nuovo brand per il consorzio regionale del Nord Ovest USA

inserito da ThemaNuoviMondi

 logo GAW

I dipartimenti del turismo di Idaho, Montana, North Dakota, South Dakota e Wyoming lanciano il brand The Great American West per promuovere la regione internazionalmente

18 Maggio 2018 – CHEYENNE, Wyoming – Gli uffici del turismo di Idaho, Montana, North Dakota, South Dakota e Wyoming hanno il piacere di annunciare il nuovo nome del consorzio regionale ed il nuovo brand nei mercati internazionali: The Great American West.

Abbiamo studiato un brand che potesse immediatamente esprimere le sensazioni quando si visitano i nostri stati, e l’abbiamo trovato in The Great American West,” afferma James Hagen, Secretary del South Dakota Department of Tourism. “Dalle culture Western e dei Nativi d’America agli impressionanti scenari paesaggistici della nostra regione, non vediamo l’ora di mostrare al mondo intero perché vale la pena intraprendere  un viaggio nei nostri cinque stati

Da quando è stato costituto il consorzio multi-stato agli inizi del 1990, la regione ha attirato viaggiatori internazionali per oltre 27 anni sotto il vecchio brand The Real America, facendo leva sui vasti territori incontaminati, l’abbondante fauna selvatica, le tradizioni western e le leggendarie  icone nazionali. Il nuovo nome,   marchio e logo riflettono l’impegno più ampio del consorzio regionale nel promuoversi a livello internazionale quale meta di punta negli Stati Uniti.

The Great American West identifica meglio la nostra regione da un punto di vista  geografico  e sostiene i nostri sforzi nel presentare una storia ricca ed esperienze autentiche che distinguono i nostri stati” dice Sara Otte Coleman, Direttore del North Dakota Tourism.

Gli stati di The Great American West ospitano numerosi parchi, monumenti e memoriali nazionali che preservano le risorse naturali e la grande tradizione della nazione. Nel corso degli ultimi quattro anni il consorzio regionale ha lavorato in ricerche approfondite nei mercati internazionali  per identificare un marchio che fosse il collegamento perfetto tra la regione e queste meraviglie della natura.

We are The Great American West,” conferma Diane Shober, Executive Director del Wyoming Office of Tourism.Nel promuovere collettivamente i nostri cinque stati, é imperativo che il nostro nome definisca chiaramente chi siamo, nell’intento d’ispirare i viaggiatori a conoscerci meglio e provare le esperienze avventurose che qui si possono trovare.”

The Great American West mostra un’associazione molto forte a questi contenuti, rafforzando ulteriormente la capacità di catturare l’attenzione dei viaggiatori audaci ed intrepidi alla ricerca di avventure autentiche e di coloro che vogliono immergersi nel vero cuore del West.

E’ una vera partnership tra i nostri cinque stati che compongono una regione,” dice Sean Becker, Administrator per il Montana Office of Tourism and Business Development. “Competere in campo internazionale comporta un’identificazione facile del nostro consorzio regionale, ed al contempo un’idea di maestosità. Siamo orgogliosi di far parte di questo percorso creativo considerando lo strenuo lavoro per attirare ancor più viaggiatori internazionali verso  The Great American West.”

Il consorzio regionale è interamente finanziato dai dipartimenti del turismo con la missione di portare visitatori dai mercati internazionali, quali Regno Unito, Germania, Australia, Francia, Italia, Benelux e Paesi Scandinavi  – catturando il potenziale di collaborazione regionale tramite programmi di marketing creativi e cooperativi usando abilmente economie di scala. Questo consorzio regionale – ora con il nome di The Great American West – ha un accordo con Rocky Mountain International (RMI) per sovraintendere  le attività di  marketing di ciascun stato e gestire gli uffici di rappresentanza esteri in ogni singolo mercato internazionale.

Una parola può avere molti significati e volevamo che il marchio comportasse un riconoscimento appropriato e rappresentasse la storia della nostra regione,” conclude Mathias Jung, CEO e Proprietario of Rocky Mountain International. “The Great American West esemplifica un impegno duraturo che questi cinque stati hanno siglato nel consorzio e collettivamente non possiamo che guardare al futuro e rappresentare il West nel mondo.”

Il cambiamento di brand giunge proprio con la partecipazione dei cinque stati a Denver (Colorado) all’evento annuale della U.S. Travel Association, l’IPW il più importante mercato internazionale dell’industria del turismo ed il maggior generatore di viaggi verso gli Stati Uniti d’America. La presentazione ufficiale di The Great American West verrà svelata e celebrata ai tour operator internazionali, ai fornitori regionali ed ai partner nella serata del Martedì 22 Maggio all’IPW.

Il marchio The Great American West e la sua nuova grafica sono visibili nei nuovi siti internet, nei canali social, negli stand alle fiere di settore ed in altre occasioni. Per saperne di più su prodotti e destinazioni offerte: https://greatamericanwest.ithttps://greatamericanwest.co/

###

The Great American West

The Great American West é il marchio rappresentativo del marketing internazionale di Idaho, Montana, North Dakota, South Dakota e Wyoming. Collettivamente il gruppo si promuove sia all’industria del turismo (Tour Operator, Agenzie di Viaggi etc) che al consumatore tramite campagne pubblicitarie e relazioni pubbliche. Individualmente ogni ufficio del turismo lavora con i propri partner locali per aumentare la conoscenza dei propri territori e della regione nella sua interezza, tramite promozioni di prodotti turistici e di mete di viaggio. The Great American West ha un contratto con Rocky Mountain International nel coordinamento degli sforzi coesi in sette mercati internazionali: Regno Unito, Germania, Australia, Francia, Italia, Benelux e Paesi Scandinavi.

 

Rocky Mountain International

Rocky Mountain International é specializzata in marketing del turismo internazionale e sviluppo di business per gli USA occidentali. La sua missione é l’incremento dei visitatori internazionali, della capacità di spesa e delle quote di mercato della regione con lo scopo di alimentare le economie dei propri stakeholder. Il suo lavoro contribuisce significativamente alla creazione di posti di lavoro, alle entrate fiscali ed al miglioramento della qualità di vita nelle comunità locali. La sede centrale di  RMI é a Cheyenne, Wyoming con uffici esteri a Londra, Monaco, Amsterdam, Parigi, Milano e Sydney. Per ulteriori informazioni: RMIMarketing.com.

RMI Italia:  rockymountain@themasrl.it

14 May

Powwow in South Dakota

inserito da ThemaNuoviMondi

RealAmerica-01

C’é sempre qualcosa da fare e da vedere in South Dakota! Per scoprire la cultura dei Sioux si assiste ad uno dei raduni di Nativi  

Il South Dakota  conta almeno 71.800 Nativi, per lo più Dakota, Lakota e Nakota. 9 sono le riserve indiane sparse in tutto lo stato con le relative tribù: Cheyenne River Sioux Tribe, Crow Creek Sioux Tribe, Flandreau Santee Sioux Tribe, Lower Brule Sioux Tribe, Oglala Sioux Tribe, Rosebud Sioux Tribe, Sisseton Wahpeton Oyate, Standing Rock Sioux Tribe and Yankton Sioux Tribe

NativeAmerican16_Powwow_SDOgni riserva ha speciali eventi ed attività sociali e culturali. I Powwow o Wacipi delle tribù, i giochi e i rodeo sono eventi tradizionalmente aperti al pubblico. L’origine della parola POWWOW è incerta. Alcuni affermano che sia algonchina e significa medicine; altri dicono sia francese e significhi raduno , mentre altri pensano che derivi dagli Indiani delle praterie meridionali. Nell’epoca moderna la parola ha assunto il significato preciso di raduno annuale estivo, che prevede socialità e danze cerimoniali.

Il Powwow può durare uno o molteplici giorni. E’ il momento durante il quale Lakota, Dakota o Nakota e membri delle tribù eseguono le onorificenze, consegnano i doni, si riuniscono nelle famiglie, ritrovano gli amici, si accampano e le tribù si ricongiungono. Durante i mesi estivi la celebrazione wacipi è normalmente svolta all’aperto con alcuni ripari o con un’area al coperto, dove si siede l’audience ed i danzatori, mentre al centro lo spazio è riservato per le danze. Il Black Hills PowwowHe Sapa Wacipi in lingua Lakota – invece si celebra all’interno durante il mese di Ottobre. E’ l’evento portante della cultura Nativa americana con tre giorni di celebrazioni con danze, musica di tamburi in cerchio e mostre d’arte. Solitamente oltre 1.800 danzatori partecipano a questa celebrazione culturale in onore della propria storia, tradizioni e cultura. L’evento si svolge a Rapid City, la seconda città dello Stato per grandezza.

Bisogna munirsi di permessi speciali per poter partecipare alla maggior parte delle cerimonie religiose, che di solito non tutte sono accessibili al visitatore. Ogni tribù preserva la propria religione e tradizione con estremo orgoglio.

Qui sotto il  calendario dei principali Powwow nel 2018 in South Dakota:

  • Kenel Memorial Day Powwow, Kenel: 28 Maggio
  • Sisseton Wahpeton Wacipi , Sisseton: 6-8 Luglio
  • Flandreau Santee Annual Traditional Powwow, Flandreau:  20-22 Luglio
  • Fort Randall Powwow, Lake Andes: 4-6 Agosto
  • Oglala Nation Powwow and Rodeo, riserva di Pine Ridge 2-5 Agosto
  • Rosebud Fair, Rodeo and Powwow, Mission 26-26 Agosto
  • Cheyenne River Sioux Tribe Fair, Rodeo & Powwow , Eagle Butte: 30 Agosto – 2 Settembre
  • Northern Plains Indian Art Market and Powwow, Sioux Falls: 29-30 Settembre
  • Gathering of the Wakanyeja, Joseph Indian School a Chamberlain : 13-15 Settembre
  • Black Hills Powwow: He Sapa Wacipi Na Oskate, Rapid City 5-7 Ottobre

Info sui Nativi in South Dakota:  http://realamerica.it/indiani-nativi/south-dakota/

               

RMI Italia – RealAmerica.it – FB: Real America – Italia   – rockymountain@themasrl.it

09 May

IDAHO TOURISM si unisce a MONTANA, NORTH DAKOTA, SOUTH DAKOTA e WYOMING nel Consorzio Turistico Rocky Montain Int.

inserito da ThemaNuoviMondi

RMI Green GradientCHEYENNE, Wyoming (9 Maggio, 2018) – La Idaho Division of Tourism Development e Rocky Mountain International (RMI) annunciano oggi che l’Idaho si unisce agli uffici del turismo degli stati del Montana, North Dakota, South Dakota e Wyoming per formare una squadra di cinque stati regionali nella promozione turistica internazionale.

Idaho Tourism ha il piacere di unirsi a Rocky Mountain International e contribuire in questo eccezionale gruppo di stati del West,” afferma Matt Borud, Marketing and Innovation Officer per Idaho Tourism. “La partnership con gli stati confinanti tramite Rocky Mountain International offrirà alle comunità, alle attrattive ed agli esercizi commerciali la più estesa visibilità ai mercati internazionali del turismo e rafforzerà le finalità collettive della collaborazione nel promuovere la regione ai viaggiatori di tutto il mondo.”

Le caratteristiche western dell’Idaho, gli scenari mozzafiato, i cieli, le numerose strade scenografiche e le molteplici attività outdoor sono da sempre desiderio dei viaggiatori internazionali. La partnership consente ai cinque stati di promuovere la regione quale meta top degli U.S. verso i mercati internazionali quali United Kingdom, Germania, Australia, Francia, Italia, Benelux e paesi Scandinavi, canalizzando informazioni e promozione turistica verso questa zona del nord-ovest USA.

Siamo molto soddisfatti di avere con noi l’Idaho!” conferma Mathias Jung, CEO di RMI. “Quest’espansione agirà quale spinta ulteriore in visibilità e viaggi verso la nostra regione e complementa la nostra offerta turistica stellare. Non esiste nessun’altra realtà consorziale di marketing turistico con una storia solida quanto la nostra e con un futuro allettante”.

Il programma é interamente supportato dai dipartimenti del turismo in partnership con RMI, con la missione di veicolare il traffico turistico internazionale sfruttando il potenziale collaborativo della regione, grazie a programmi di marketing creativi e di collaborazione che beneficiano di una leva finanziaria propria del consorzio. Quest’aggiunta al programma apre ulteriori opportunità ai fornitori ed ai partner dell’ Idaho nel partecipare agli sforzi promozionali verso i mercati esteri.

Tradizionalmente dal 1990 nei mercati internazionali il marchio conosciuto é The Real America, ma godrà ora con cinque stati di un nuovo brand che verrà annunciato – con apposito nuovo logo – all’ evento IPW a Denver, dal 18 Maggio p.v..

Info su Idaho Tourism: visitidaho.org e tourism.Idaho.gov.

###

Rocky Mountain International

Rocky Mountain International con sede centrale a Cheyenne, Wyo., é l’organizzazione regionale di promozione turistica per  Idaho, Montana, North Dakota, South Dakota e Wyoming. RMI assiste nel raggiungere obiettivi stabiliti nelle PR specializzate e nella promozione, con lo spirito di stimolare ed ispirare conoscenza sulla regione quale meta attrattiva ed accessibile al turismo internazionale, in sette maggiori mercati esteri:  United Kingdom, Germania, Australia, Francia, Italia, Benelux e Paesi Scandinavi. La missione di RMI é aumentare il traffico turistico internazionale, la durata del soggiorno e la spesa nella regione. Per altre info su RMI: RMIMarketing.com.

 

RMI Italia – www.RealAmerica.it – FB: Real America – Italia   – rockymountain@themasrl.it

 

26 Apr

L’Ufficio del Turismo del Massachusetts lancia il Massachusetts Whale Trail

inserito da ThemaNuoviMondi

Print

 

L’Ufficio del Turismo del Massachusetts lancia il        Massachusetts Whale Trail: il nuovo percorso collega le escursioni whale watching, i musei, i tour ed i luoghi storici nel Commonwealth

squaremap_v1 - CopiaIl Massachusetts Office of Travel and Tourism (MOTT) annuncia il primo vero Massachusetts Whale Trail, una importante collaborazione tra tutte le regioni turistiche del Bay State per promuovere il territorio che si estende da Provincetown a Pittsfield. Narrare la storia del Commonwealth attraverso il suo collegamento alle balene, questo l’intento del  Massachusetts Whale Trail con 40 tappe lungo la costa ed anche una tangente letteraria che unisce i luoghi al Western Massachusetts. I partner del Whale Trail sono musei, attrazioni, luoghi storici, centri educativi e tour. “Il lancio del nuovo  Massachusetts Whale Trail ci emoziona,” afferma Francois-Laurent Nivaud, Executive Director del Massachusetts Office of Travel and Tourism. “Il Whale Trail cattura lo spirito marittimo del Massachusetts ed offre ai visitatori un nuovo modo di rimanere coinvolti nelle tante nostre lunghe storie collegate alle balene”.

Il Massachusetts Whale Trail unisce circa 40 regioni, luoghi  ed esperienze associate al mammifero marino del quale attualmente esistono 11 specie lungo le coste del Commonwealth tanto da generare 800.000 visitatori l’anno. Tra i luoghi ci sono in monumenti storici quali la Old Whaling Church a New Bedford, le escursioni di whale watching da Provincetown fino a Newburyport, i musei quali il Nantucket Historical Association Whaling Museum e le attività educative come il SEA SPACE Marine Discovery Center a Provincetown. Oltre la costa i luoghi lungo il Melville Trail nel Western Massachusetts sono strettamente legati al famoso autore del rinomato romanzo Moby Dick, Herman Melville.Tra i partner regionali si contano i Massachusetts Regional Tourism Councils, così come gli uffici turistici locali delle singole cittadine da New Bedford a Salem.

Oltre alla tradizionali attrazioni, il visitatore é invitato ad investigare più profondamente le influenze culturali create dalle balene. La promozione di MOTT – infatti – presenta gallerie con arte baleniera quali ad esempio la Focus Gallery a Chatham/Cape Cod, e la produzione di birra artigianale con la Moby Dick Brewing Company a New Bedford.

A supporto della promozione del Massachusetts Whale Trail, MOTT lancia un sito internet http://www.massvacation.it/immagina/massachusetts-whale-trail/  e propone itinerari che mettono in risalto esperienze interattive suddivise per temi. Tra gli itinerari ad esempio, c’é un percorso per appassionati di letteratura che esplora un tragitto dedicato alla vita di Herman Melville ed all’ispirazione coltivata in Massachusetts. Un altro percorso illustra avventure outdoor con gite per avvistare le balene e luoghi ove provare direttamente l’esperienza della vita marina. I luoghi lungo il trail al contempo lanciano promozioni speciali e pacchetti a sostegno dell’iniziativa, usando l’ hashtag #whaletrailMA.

Per ulteriori informazioni sul Massachusetts Whale Trail, visitate:http://www.massvacation.it/immagina/massachusetts-whale-trail/

###

Il Massachusetts Office of Travel & Tourism é l’ufficio statale che si dedica alla promozione del turismo nel Commonwealth. La missione di MOTT é promuovere il Massachusetts quale meta di viaggi vacanza e viaggi di lavoro per il mercato domestico così come per quello internazionale, contribuendo alla crescita economica del Commonwealth. MOTT lavora con 16 uffici del turismo regionali nello stato e con un’ampia serie di alleanze turistiche quali Discover New England e BrandUSA.

 In Italia: massvacation.it – FB Visit Massachusetts-Italia – email:bostonma@themasrl.it

 

18 Apr

In Massachusetts debutta MASTERPIECE TRAIL

inserito da ThemaNuoviMondi

Print

Il Massachusetts Office of Travel & Tourism (MOTT) ha creato il nuovo MASTERPIECE TRAIL che conduce i visitatori ad alcune delle più importanti opere d’arte ospitate in tutto lo stato, collegando 13 regioni turistiche ed offrendo così un’esperienza culturale sfaccettata per amanti dell’arte. Trattasi di 24 opere di 24 gallerie d’arte e musei del Commonwealth, che riflettono lo spirito artistico del Bay State grazie alle sue collezioni di diversa arte.

Visitando solo un museo in Massachusetts, il visitatore può scoprire opere d’arte notevoli ” afferma Francois L.Nivaud, Executive Director del Massachusetts Office of Travel & Tourism, “usando però il Masterpiece Trail quale guida, il viaggiatore può continuare il proprio viaggio verso altri musei ed ammirare un’impareggiabile collezione artistica di famosi maestri di tutto il mondo, ubicata proprio in Massachusetts“.

Il Masterpiece Trail – infatti – presenta lavori straordinari che fanno parte di collezioni permanenti o a lungo termine in Massachusetts e, giungendo in anticipo dal 27 Aprile al 6 Maggio, si partecipa anche all’ArtWeekMA, un’iniziativa d’arte,cultura ed eventi creativi che si snoda in ogni regione dello stato.

Volevamo offrire ai turisti ed alla gente locale una maniera accessibile e coinvolgente per provare l’esperienza dell’arte iconica che ospitiamo in Massachusetts: dai lavori ben noti a gemme nascoste, pezzi unici che rappresentano un assaggio di ciò che il Massachusetts offre“, afferma Shannon Healey, Direcor of Domestic Public Relations del Massachusetts Office of Travel & Tourism.

Il MASTERPIECE TRAIL sarà disponibile nel sito internet di MOTT, www.massvacation.it/esplora/arti/masterpiece-trail/ Il divertimento di questo percorso artistico innovativo inizia dai musei locali e dalle gallerie che mettono in luce un modo nuovo di pensare alla cultura in Massachusetts. Le opere presentate includono pezzi classici quali la Chitarra Cavelli esposta all’Isabella Stewart Gardener Museum o alla tela Fumée d’Ambre Gris di John Singer Sargent al Clark Institute, per arrivare a Ronan the Pug al Museum of Bad Art o a O, Happy Day! scultura di Thomas Maley alla Field Gallery a Martha’s Vineyard. Il percorso invita gli amanti dell’arte e gli appassionati ad avventurarsi ed esplorare arte e destinazioni nuove del Massachusetts con una nuova lente d’osservazione.

Ulteriori informazioni sul Masterpiece Trail:  www.massvacation.it/esplora/arti/masterpiece-trail/

Il Massachusetts Office of Travel & Tourism coltiva la principale missione di promuovere il Massachusetts per viaggi di piacere e di lavoro a carattere domestico ed internazionale, e contribuisce alla crescita economica del Commonwealth. MOTT lavora a stretto contatto con 16 distretti turistici regionali in tutto lo stato e con le più ampie alleanze quali Discover New England e BrandUSA.

In Italia: massvacation.it – FB Visit Massachusetts-Italia – email:bostonma@themasrl.it

10 Apr

Livingston, Montana: Rodeo, Musica e Art Walks d’estate

inserito da ThemaNuoviMondi

RealAmerica-01

LIVINGSTON, Montana, vicino allo Yellowstone é meta letteraria inaspettata, attira chi ama l’autentico West, anche attori e cineasti. Rodeo, Musica e Art Walks  d’estate

Livingston

Livingston

A nord dello Yellowstone National Park c’é Livingston — eclettica cittadina colma di opportunità per la vacanza nel Montana. Incastonata  sulle sponde del leggendario Yellowstone River, conta circa 7.000 abitanti ed ospita eventi culturali ed attività outdoor. C’è qualcosa per tutti in questo posto molto western: negozi, musei, campi da golf, gallerie d’arte, teatri e musica così come ristoranti per ogni gusto.  A circa 90 km. dal  Roosevelt Arch alla North Entrance dello Yellowstone National Park, il primo parco nazionale degli Stati Uniti, ha tutto ciò che una grande città propone, ma con la sicurezza e lo charme di una piccola cittadina. Questo posto é stato un collegamento per 11.000 anni: tutta la zona fu terreno di caccia dei nativi con numerosi  promontori usati come buffalo jumps. La spedizione di Lewis e Clark passò attraverso questa zona, incrociando lo Yellowstone nel Luglio del 1806. Livingston nasce grazie alla Northern Pacific Railroad Co. sorta nel Dicembre 1882 e  diventa strategica, a mezza strada tra St. Paul, Minnesota e Tacoma, Washington. Con l’arrivo della ferrovia  divenne una cittadina fiorente e verso il 20° secolo, quando il Presidente Ulysses Grant creò Yellowstone, oltre 10.000 turisti alla settimana invasero la comunità per accedere al parco nazionale. Molte generazioni di ferrovieri, pistoleri e star del cinema hanno fatto di Livingtson la propria città, arricchendone la sua diversità. E’ ben poco cambiata nel giro di un secolo ed ancora permeata di energia vitale creativa, con un forte senso di comunità in ogni aspetto della vita. E’ un posto dove esploratori, artisti, poeti e cowboy si mischiamo nelle strade illuminate coi neon, e dove si riesce a trovare ancora quell’autentico West americano. Sembra una cartolina, una gioviale cittadina di montagna; la sua gente emana energia pulsante sulle sue strade ampie, nei panorami mozzafiato e sulle classiche facciate degli edifici bassi, allineati, con negozi ed enormi insegne al neon che evocano tempi passati.

Dai classici A River Runs Through It (In Mezzo Scorre il Fiume – 1999), a Certain Women, a star come Michelle Williams, troupe cinematografiche sono giunte  qui per afferrare l’intatta quintessenza del West. Michael Keaton vive da qualche parte nella zona di Big Timber vicino a Livingston, in una location sconosciuta: possiede un ranch e lo si può trovare a pesca. Dennis Quaid comprò nel passato un ranch vicino a Livingston insieme all’attore  Warren Oats ed al regista Sam Peckinpah. Livingston a lungo é stata sinonimo di arte nel Montana. Per molti anni artisti, scrittori e musicisti l’anno scelta quale dimora. Agli inizi degli anni ’70 arrivarono giovani pittori e letterati e lentamente sorsero gallerie d’arte. The Danforth Gallery, Livingston Center for Art and Culture, The Shane Lalani Center for the Arts: ogni quarto venerdì dei mesi estivi è in programma Livingston Art Walks che combina tour delle gallerie ed un raduno sociale nel tardo pomeriggio. La prima  Art Walk della stagione è a giugno ed è sempre la più seguita. Poi si continua fino a settembre. Si incontrano gli artisti, si sorseggiano bevande, si curiosa di galleria in galleria cercando un pezzo distinto da portare a casa. Le lunghe giornate estive danno accesso ad esplorazioni nello splendore delle alture o pescando una blue ribbon nello Yellowstone River. I tre musei in città offrono uno sguardo completo alle tradizioni locali, agli eventi storici ed alla gente leggendaria che ha forgiato e questo posto speciale. Il Livingston Depot del 1902 è la stazione ferroviaria restaurata con un museo della ferrovia aperto dal Memorial Day al Labor Day. Lo Yellowstone Gateway Museum documenta la storia della regione da uno dei più antichi siti archeologici del Nord America alla storia del Wild West e di Yellowstone. La ricchezza storica del l’ International Federation of Fly Fishers è ben riportata con collezioni di manufatti, letteratura ed arte che copre oltre un secolo, realmente rappresentativa dalla cultura e storia della pesca-a-mosca, fly fishing. Ogni anno il   Livingston Roundup Rodeo coinvolge cowboy e cowgirl di tutto il Nord America in competizioni e numerosi eventi, in coincidenza con la celebrazione del 4 di Luglio: è il rodeo principale del Montana con i migliori concorrenti. La Summerfest é una due giorni a metà luglio dedicata alla musica, adatta alle famiglie e certamente uno dei migliori intrattenimenti estivi. Si balla di giorno e di notte nel bel Sacajawea Park sulle sponde dello Yellowstone River. Red Ants Pants Music Festival é un evento tipico del Montana, molto genuino, nell’ultimo weekend di luglio, con decine di musicisti contemporanei ed artisti dello spettacolo da tutte le parti degli Stati Uniti.

INFO: RMI Italia – rockymountain@themasrl.it – FB RealAmerica – Italia

28 Mar

Un viaggio magico in tram in North Dakota che pochi conoscono

inserito da ThemaNuoviMondi

RealAmerica-01

 

Non ci sono molti veri tram in North Dakota. Infatti, ce n’é solo uno che ancora viaggia ed é pronto a condurvi in un percorso attraverso uno dei più bei parchi statali e siti storici dello stato. Conduce in zone naturali, attraverso la storia per offrire una piacevole avventura. Si prende il trolley fino al Fort Abraham Lincoln State Park a Mandan.

Il trolley inizia la corsa alla stazione e va in direzione delle bellezze di Fort Abraham Lincoln State Park lungo il fiume Heart North_Dakota_Fort_Lincoln_Trolley_OJRiver. Lungo il percorso di circa 14 km si ammirano suggestivi ambienti naturali e si attraversa un bel ponte di ferro. E’ rilassante, piacevole ed un buon modo per provare l’esperienza del parco.  Si può fare il viaggio completo di andata e ritorno oppure scendere dal trolley ove si possono visitare i luoghi storici d’interesse nel parco. Tra questi il villaggio On-A-Slant, earthlodge ricostruiti mostrano lo stile di vita della tribù degli Indiani Mandan che occuparono queste terre tra il 1575 ed il 1781. C’é la dimora del Generale Custer; entrambe le attrattive storiche si visitano all’interno ed all’esterno, con tour giornalieri della Custer House e dell’ On-A-Slant Indian village da Maggio a metà Settembre. La principale attrazione – naturalmente – é il forte e l’avamposto militare. La terra fu trasferita allo stato nel 1907 dal Presidente  Theodore Roosevelt. Lo sviluppo del parco iniziò nel 1934 per mano del Civilian Conservation Corps (CCC), che costruì il visitor center, gli earthlodge, le baracche militari, i ripari e le strade e piazzò le insegne per segnalare gli edifici della fanteria e della cavalleria. Camminando sulle colline ondulate si può avere una panoramica del Missouri River.

Una volta visitati i siti storici si può prendere un carro trainato da un trattore per il rientro da questo divertente viaggio. E’ un’esperienza perfetta per le visite, la storia ed il divertimento di riuscire a viaggiare in un vecchio tram! Non ce ne sono altri in North Dakota, quindi è meglio approfittarne. Il parco ed il tram si trovano nei pressi della Highway 1806 a circa 11 km. a sud di Mandan.

 

INFO: RMI ITALIA – e-mail: rockymountain@themasrl.it – FB: Real America- Italia

 

26 Mar

A Salem la House of Seven Gables celebra i 350 anni

inserito da ThemaNuoviMondi

Print

A SALEM, la HOUSE OF SEVEN GABLES quest’anno celebra 350 anni. Costruita nel 1668 é rimasta vigile ai piedi del Porto di Salem, simbolo sia della promessa americana così come dell’abilità letteraria. Attrattiva storica ed architettonica visitata da oltre 100.000 persone l’anno, presenta un ricco calendario d’eventi celebrativi. Nathaniel Hawthorne vi s’ispirò per il suor romanzo  La Casa dei Sette Abbaini, un grande classico della letteratura americana.

Fu costruita John Turner, un capitano di mare di nome che – nel pieno della carriera e del successo – tristemente morì in mare. La sua magione, ambiziosa per l’epoca, ben riflette lo spirito imprenditoriale che s’associa all’impresa americana. La casa é conosciuta anche come Turner-Ingersoll Mansion, dal successivo proprietario. Due secoli dopo, il grande autore americano Nathaniel  Hawthorne pubblicò “The House of Seven Gables”, bestseller del 1851 nato da conversazioni tenute con la brillante cugina Susanna Ingersoll, padrona della casa. Hawthorne nel romanzo  descrive bene il sentimento verso la casa: come un cuore umano, con una propria vita, colma di reminiscenze ricche ed oscure. Raramente una casa conserva così tanti significati; a più livelli é ancorata a ben cinque strutture storiche  – oggi é un National Historic Landmark District – ed ha a lungo ricoperto una duplice missione grazie alla decisione della filantropa Caroline Emmerton: preservarla e usare i proventi dei tour per dare assistenza alla comunità degli immigrati. Nel 1910 The Gables crea un programma di assistenza sociale che ancora oggi é in vigore, ispirandosi anche a Hawthorne. I Tour finanziano il lavoro sociale ed i programmi educativi, corsi di lingua inglese, cura all’infanzia e programmi estivi per i bambini, il networking nella comunità e gli aiuti agli immigrati per acquisire la cittadinanza. Ebbene sì: The Glables é un’icona d’ispirazione e di letteratura. Ed é anche il luogo ove gli immigrati – iniziando con John Turner – hanno trovato un futuro in America.

Per celebrare degnamente questo 350° Anniversario la casa storica museo ha un fitto calendario di eventi tutto l’anno. Il 25 Marzo Salem Women’s History Day per un tour speciale al femminile con un salto nella storia e due conferenze sul ruolo della donna nelle opere di conservazione. Il 6 Aprile: These Walls Do Talk. s’inaugura la mostra annuale su scienza e storia svelando come si conoscano i 350 anni di storia della antica  Turner-Ingersoll Mansion: l’analisi della pittura, delle tappezzerie e dell’architettura quale fonte primaria. Meet the Past: A Walk with Nathaniel Hawthorne  il 14 Aprile  invita ad una passeggiata a Salem in compagnia dello scrittore Nathaniel Hawthorne ove visse, lavorò e fece crescere la sua famiglia. Si vedono i posti che ispirarono alcune della sue famose opere; due i tour di un’ora e mezzo, guidati da un esperto. Meet the Past: Caroline Emmerton’s Gables Tour  il 21 Aprile per conoscere – nel giorno del suo compleanno – la donna che acquistò e restaurò The Gables. Dal 1 al 12 Agosto si visita The House of the Seven Gables durante il festival Salem’s Heritage Days Celebration. Programmi per tutta la famiglia con dimostrazioni artigianali, laboratori di storia – Living History Labs – ed il Family Navigation Game. Attività e programmi varieranno ogni giorno. Four Centuries of Music Festival offre il 4 Agosto musica che inizia dal 17° secolo e termina nell’epoca moderna, danze, cibo e divertimento nel giardino sul mare. Gli appuntamenti continuano fino a fine Novembre. Info:  https://7gables.org/-

La visita di The House of Seven Gables dura circa 40 minuti; é inclusa anche la visita al luogo di nascita di  Nathaniel Hawthorne, ed un tour del giardino sul mare in stile Colonial Revival. Un audio tour degli esterni é disponibile su cellulare o tablet con UniGuide App.

 INFO: Uff.Turismo Massachusetts

massvacation.it – FB Visit Massachusetts Italia

21 Mar

A Memphis: MLK50, commemorazione di Dr.King il 4 Aprile 2018

inserito da ThemaNuoviMondi

TSUSA_logo_siteCi sono stati numerosi eventi nella storia degli Afro-Americani che si sono svolti a Memphis.  Il 4 Aprile 1968 é stato certamente uno dei giorni più bui della storia della città: Dr. Martin Luther King Jr. fu assassinato sul balcone del Lorraine Motel. Questo crimine fu un vero colpo non solo per la città, ma per tutto il mondo. King – all’età di soli 39 anni nel giorno della sua morte – guidò il movimento dei Diritti Civili dall’epoca del suo ministero quale pastore della Dexter Avenue Baptist Church a  Montgomery (Alabama) a metà degli anni ’50 fino al suo assassinio nel 1968. Condusse il movimento nella pratica della non violenza nella lotta per il cambiamento, aiutò a creare il Civil Rights Act nel 1964 ed il  Voting Rights Act nel 1965. Si trovava a Memphis per sostenere i lavoratori in sciopero; tenne il discorso che poi divenne famoso e conosciuto come “I’ve Been to the Mountain top” la sera prima di essere assassinato .

MLK 50Nel 1991 Memphis costruisce intorno e nel Lorraine Motel ove King fu ucciso, il National Civil Rights Museum. Nel 2014 investe milioni di dollari per il suo rinnovo e riapre il museo che illustra le disfatte ed i trionfi del movimento dei Diritti Civili negli Stati Uniti con 260 cimeli, oltre 40 nuovi filmati, storie orali, media interattivi e registrazioni che guidano il visitatore attraverso 5 secoli di storia, dalla resistenza iniziale durante la schiavitù, la Guerra Civile e la ricostruzione, la nascita di Jim Crow e gli eventi del 20° secolo che hanno ispirato gente di tutto il mondo nella lotta per l’uguaglianza. Il museo ricorda la vita e l’eredità di uno dei leader più umanitari e prolifici dell’American Civil Rights Movement, Dr. Martin Luther King, Jr ed ha unito le forze con numerosi paesi del mondo per commemorarne la vita ed il lascito culturale durante un anno intero di celebrazioni iniziate nel 2017 fino al 4 Aprile 2018: il 50° Anniversario dell’assassinio di King. Lech Walesa, ex presidente della Polonia, si unirà alla commemorazione dal 4 al 6 Aprile insieme ad alcuni studenti della Polonia. Lo scambio culturale implica una discussione sui movimenti dei Diritti Civili negli USA negli anni ’60 ed il Movimento Solidarnosh dei lavoratori polacchi negli anni ’80.  Il 2 Aprile: “Beyond The Balcony,” un’esposizione d’arte all’Art Village Gallery a Memphis, nella quale artisti con origini multi-razziali e multi-culturali esplorano soluzioni alle ingiustizie sociali e politiche. Il 2 e 3 Aprile: “MLK50: Where Do We Go From Here?” – Un simposio di 2 giorni con lo speaker Eric Holder, ex U.S. Attorney General su questioni legali con studenti e neo-praticanti avvocati; il secondo giorno un dibattito al National Civil Rights Museum  presenta leader, storici e studiosi che trattano la filosofia e la vita di King con lo speaker Taylor Branch, biografo di Dr.King. Il 4 Aprile la corte del museo ospita attività per tutta la giornata, con musica e tributi orali a Dr.King .- accesso gratuito – e a seguire con biglietto d’entrata l’evento “An Evening Of Storytelling.” Una reception consente l’incontro con icone ed eroi del movimento dei Diritti Civili, incluso il movimento moderno. Infine l’ultimo e maggiore evento della commemorazione MLK50 onora la vita di Martin Luther King, Jr., con personalità, celebrità, studenti, rappresentanti del movimento ed altri.

Il National Civil Rights Museum di Memphis é uno Smithsonian Affiliate, uno tra le 5 maggiori istituzioni ad essere accreditate dall’American Alliance of Museums; é anche socio fondatore dell’International Coalition of Sites of Conscience, che riunisce luoghi storici, musei ed iniziative commemorative di tutto il mondo che colleghino lotte del passato all’odierno movimento dei diritti civili e della giustizia sociale. Il Museo ogni anno in autunno assegna The Freedom Award, premio simbolo della lotta umana continuativa – sia in America sia nel mondo – per i diritti civili. Il vincitore nel 2015 fu il film, Selma della regista afro-americana DuVernay, la cronaca degli storici eventi per la conferma del Voting Rights Act of 1965 condotti da Dr. Martin Luther King, Jr.

INFO & FB: TRAVEL SOUTH USA ITALIA  – TravelSouthUSA@themasrl.it

Phone

+39 02.33105841

Fax

+39 02.33105827

Address

Thema Srl
Via Pisacane, 26
20129 Milano

Contact Us





Please write here


Send

Chiudi scheda contatti