Per offrirti un servizio su misura www.themasrl.it utilizza cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione nel sito ne autorizzi l'uso.  OK   Scopri di più

Events

23 Sep

Ponti coperti, mecenati, splendore architettonico e giardini d’autore a Cornish, New Hamsphire

By ThemaNuoviMondi

Cornish – villaggio di 1.600 abitanti circa, lungo le sponde del  Connecticut River nella Sullivan County – è famoso per due particolari attrattive:  la Cornish Fair che si svolge ogni anno ad Agosto ed i suoi quattro ponti coperti,  covered bridges. Sulla  Route 12-a é contornata da tanti piccoli villaggi: Cornish Center, Cornish Flat, Cornish City, Cornish Mills, South Cornish, Balloch, Squag City. Le strade statali del New Hampshire, Route 12 e 12 A, offrono belle vedute del versante orientale del Mount Ascutney, luogo primario per il deltaplano in New England: da qui gli appassionati volano verso i vicini stati confinanti. La montagna – che si trova nel Vermont, vicino al confine con il New Hampshire – si ammira dal campus del  Dartmouth College, dai piani alti della Rauner Library e dallo Steele Chemistry Building. Come altre cittadine della Upper Valley abbondano le attività outdoor: dalle camminate alla bicicletta, al rafting, nuoto e d’inverno snowshoeing

I ponti coperti di Cornish sono un vero record poiché nessuna altra località del New  Hampshire ne può vantare così tanti. Il più notevole é Cornish-Windsor Covered Bridge , che si estende tra le due sponde del Connecticut River ed é il più lungo ponte coperto del mondo a due campate, costruito nel 1866 al costo $9,000: 140 metri, vero e proprio collegamento tra New Hampshire e Vermont. Da non mancare il Blacksmith Shop Covered Bridge, il Blow-Me-Down Covered Bridge ed il Dingleton Hill Covered Bridge.

Nel 1763 coloni inglesi oltre a darle il nome di Sir Samuel Cornish, un ammiraglio della Royal Navy, vi s’insediarono usando le rive del fiume quale punto di trasporto degli alberi dei velieri  che venivano convogliati sulle acque fluviali. Nel 1885 il noto scultore Augustus Saint-Gaudens  vi si stabilisce nel 1885 per fare camminate e sfuggire dal caos estivo di New York. Visse in una maestosa dimora sulla cima di una collina circondata dal suo studio, dai giardini ed acri di foresta.  Oggi il Saint-Gaudens National Historic Site offre tour dei giardini con 150 sculture ed opere di Saint-Gaudens. Il paesaggio naturale è di per sé un’opera d’arte e merita passeggiate ed esplorazioni naturalistiche lungo i sentieri. Artisti ed amici seguirono Saint Gaudens; tra questi il pittore ed illustratore Maxfield Parrish, che disegnò e costruì la sua residenza in questa zona, Oaks.

Augustus Saint-Gaudens è conosciuto per la statua bronzea di Diana, un tempo sulla cima del vecchio Madison Square Garden. Il suo Sherman Memorial  risplende nell’angolo sud orientale di Central Park, ed il suo Peter Cooper Monument siede fermamente all’esterno della  Cooper Union.

Tutta l’area divenne il centro della ben nota Cornish Art Colony, una delle prime colonie d’artisti negli Stati Uniti e, similarmente ad altre in Connecticut, New York, Massachusetts e Dublin nel New Hampshire, la bellezza naturale paesaggistica, il clima ed il relativo isolamento stimolarono intellettualmente ed incoraggiarono vicendevolmente la varietà degli artisti residenti. La prima ondata di artisti vi giunse prima del 1895 e fu per lo più di pittori; tra i primi George de Forest Brush e Thomas Dewing. Ne seguirono altri: il pittore Henry O. Walker, l’architetto, pittore ed incisore  Charles Platt;il pittore ed incisore Stephen Parrish con suo figlio l’illustratore e pittore  Maxfield, il pittore e critico d’arte Kenyon Cox. Tutti acquistarono terre e vi costruirono residenze negli anni 1890. Alcuni, tra i quali il famoso scultore Daniel Chester French, il pittore  John White Alexander, lo scultore Paul Manship arrivarono per alcune estati come il Presidente Woodrow Wilson, che fece della dimora dello scrittore Winston Churchill autore di “Harlakenden House”, (incendiata nel 1923) la Casa Bianca estiva dal 1913 al 1915. La colonia alimentava una interrelazione tra diverse arti: pittura, scultura, decorazione, illustrazione, architettura, design di paesaggi, romanzi, giornalismo, teatro, poesia, critica, saggistica, composizione, musica, da Boston e da New York. Nel 1905 si stima che vi risiedessero circa 40 famiglie per buona parte dell’anno e taluni per tutto l’anno. L’arrivo nella colonia avvenne in tre fasi: artisti e scultori verso la fine del 1880 ed i primi anni del 1890; scrittori negli anni 1890, poi avvocati, dottori, politici e benestanti dopo il 1905.I giardini furono un denominatore comune della colonia. Estesi quelli di Thomas Dewing e Stephen Parrish, che andavano passo-passo con il design paesaggistico di  Charles Platt e delle sue protette Ellen Shipman e Rose Nichols. Stephen Parrish s’innamorò della bellezza pastorale di Cornish visitata insieme all’architetto di paesaggi Charles Platt, suo studente con casa a Cornish. Nel  1893, Stephen acquistò 18 acri di terra accanto a Platt e vi costruì una casa che chiamò Northcote. Trascorse i dieci anni successivi  lavorando al giardino che fu considerato dai più il più bel giardino di tutti i giardini della colonia degli artisti. Fu proprio per la bellezza della campagna così come per le abitazioni ed i giardini degli artisti che Stephen Parrish fu ammaliato da Cornish ed il suo famoso figlio – Maxfield – seguì le orme paterne pochi anni dopo, costruendo una casa, uno studio ed un giardino cintato. Le case erano strettamente correlate ai giardini; zone indoor ed outdoor inquadravano le vedute. Come in Toscana anche a Cornish costruire era una sfida, ma la genialità stava proprio nel comprendere il paesaggio. Dal 1893 al 1910 Stephen aggiornò un diario dettagliatamente sul suo giardino, includendo appunti sul clima, gli uccelli, le attività giornaliere, gli acquisti per il giardino, la lista delle piante (incluso quelle che crescevano bene) e ritagli di giornali sui giardini. Generose le informazioni sulle tele dipinte e sulle visite che riceveva. Quando la nipote Anne Bogardus Parrish morì a sua volta nel  1966, lasciò il prezioso diario al Dartmouth College. Northcote è il giardino meglio documentato di tutta Cornish e non solo attirò attenzione, fu fotografato e descritto in House and Garden, The Century Magazine e Country Life in America, e fu anche pubblicato in due importanti volumi sui giardini, American Gardens di Guy Lowell e Beautiful Gardens in America di Louise Shelton.

Artisti e mecenati a Cornish costruirono un numero di  dimore architettonicamente notevoli. La maggior parte del patrimonio della Cornish Colony si trova in un raggio di 5kmi nell’angolo nord orientale di Cornish e a sud-ovest di Plainfield. Gli edifici d’epoca della Cornish Colony e le strutture nei villaggi di Plainfield e Cornish includono residenze, fienili, rimesse per carrozze, studi, strutture e giardini ancillari, istituzioni sociali ed edifici pubblici. Una decina di proprietà a Cornish e Plainfield sono da attribuire al ben noto architetto e residente nella colonia, Charles Platt, che miscelò influenze americane con quelle di ville italiane. Oltre agli interventi di Platt seguendo lo stile delle ville italiane, le residenze costruite in questo periodo generalmente mantengono influenze di stile quali Colonial Revival, e motivi Shingle e Craftsman.

credit to SEAN HURLEYIn epoca moderna un altro importante scrittore americano, autore del famoso libro The Catcher in the Rye (Il giovane Holden), J.D. Salinger ha risieduto a Cornish. Vi si stabilì da NYC nel 1953, trascorrendo il tempo con i locali e con studenti liceali, fino a quando repentinamente decise di vivere una vita maggiormente appartata, stile eremita. Dopo il 1959 – infatti – raramente si vedeva circolare  Salinger. Visse a Cornish e morì in un ospedale della zona il 27 gennaio 2010, all’età di 91 anni.

Si può effettuare un tour di 120 km che racchiude l’intero patrimonio storico culturale della zona, iniziando e terminando a Claremont.

Info by THEMA NUOVI MONDI SRL

per UFFICIO TURISMO del NEW HAMPSHIRE www.visitnh.gov

20 Sep

Viaggio tra le meraviglie autunnali nel Montana

By ThemaNuoviMondi

TGAW - Horizontal - Tagline con statiTemperature più fresche e cambio di colori: l’autunno è la stagione perfetta per rallentare e scoprire il Montana da un’altra prospettiva, imboccando una strada scenografica, inforcando una bicicletta o pagaiando in canoa sull’acqua.

Road Trip

Immaginatevi alla guida su una strada serpeggiante poco trafficata, attraversando colori brillanti dal dorato al rosso ed all’arancione, tra paesaggi montani e praterie. Questa è l’immagine di un road trip nel Montana. Se cercate fogliame dorato che si riflette in acque cristalline prendete la strada scenografica MT Fall picMontana Highway 35 e U.S. Highway 93 attorno al lago Flathead Lake. Seguendo questa strada, attorno al lago d’acqua dolce più grande che esista da ovest del Mississippi River, vi sentireste trasportati dalla bellezza delle sue profondità mistiche. Puntate verso est per oasi fluviali intatte e vasti paesaggi spruzzati di arancio e rosso. Qui potete imboccare strade meno frequentate ed avventurarvi lungo la Kings Hill Scenic Byway per provare l’esperienza della struggente aspra bellezza della Lewis and Clark National Forest. Se cercate un viaggio itinerante che attraversi troneggianti picchi montuosi e panorami spettacolari, non vorrete di certo perdervi la mitica Beartooth Highway. Qui con l’auto si sale letteralmente verso straordinarie vedute di cime oltre i 300 metri. Da Red Lodge seguite la highway ad ovest dello Yellowstone National Park per abbondanti opportunità d’avvistamento di bisonti, cervi ed altre specie faunistiche allo stato brado.

In Bicicletta

Poca gente, temperature perfette e paesaggi da cartolina sono solo alcuni dei motivi del perché il Montana sia il posto perfetto da esplorare in autunno. Immergetevi nell’aria fresca di montagna e nei colori autunnali imboccando il Bitterroot Trail. Il percorso pavimentato per le biciclette si trova nella Bitterroot Valley, circondato delle Bitterroot Mountains ad ovest e dalle  Sapphire Mountains ad est. Nel seguire il percorso semplicemente ipnotizzante godrete di spettacolari vedute di picchi innevati, un fall foliage accesso e pittoresche piccole cittadine.
Se preferite pedalare con vedute fluviali allora esplorate la  Paradise Valley imboccando una sentiero ondulato lungo l’imponente Yellowstone River incastonato tra le due catene montuose torreggianti Gallatin ed Absaroka Mountain. Dai pioppi dorati baciati dal sole ai pioppi americani fino alle maestose vette che si scorgono a distanza, questa vallata conferma a buon diritto il suo nome proprio in autunno!

Per una varietà perfetta di scenari autunnali, intraprendete un viaggio in bicicletta lungo la spina dorsale della Montagne Rocciose da Choteau ad Augusta. Tra le montagne selvagge e le foreste ad ovest, i ranch e le fattorie ad est, questa strada vi offre il meglio dei due mondi e vi regalerà indelebili ricordi.

In Canoa

Immaginate di scivolare sulle acque calme come se foste gli unici nel luogo e godere unicamente dei suoni della natura mentre pagaiate. Aggiungete i colori autunnali che si rifrangono sui paesaggi ed ottenete un quadro perfetto della vacanza nel Montana. Seguite il percorso Clearwater River Canoe Trail nella Seeley-Swan Valley per un paio d’ore di tranquilla escursione in un braccio del fiume che rimane chiuso alle barche a motore. Mentre si fluttua si gode delle spettacolari panoramiche della valle e si passa attraverso una laguna carica di salici che d’autunno si tingono di brillanti tonalità gialle.

Avventuratevia nord al Glacier National Park e navigate sulle limpide acque del Lake McDonald.
Questo lago glaciale è meraviglioso in ogni epoca dell’anno, ma esplorarne le sue coste chilometriche in autunno é decisamente mozzafiato. L’impressionante contrasto di giallo acceso dei larici che punteggiano le foreste di cedri e pini regala a chi rema sul lago in questa stagione numerose magnifiche vedute ed opportunità d’avvistamento della fauna selvatica.

INFO: The Great American West – Italia – https://greatamericanwest.it/

 FB: The Great American West – Italia  

 

15 Sep

Eventi autunnali in Massachusetts

By ThemaNuoviMondi

PrintTradizioni e prodotti della terra e del mare a celebrare la stagione più gloriosa dell’anno. Dai campi di cranberry alla sagra delle zucche, esplorare piccole città, campagne, costa ed isole é un inno al cibo ed alle libagioni

Passato il Labor Day c’é il ritorno ai banchi di scuola a bordo dei mitici school bus gialli ed il preludio alla nuova stagione autunnale che già si esprime nei negozi con la vendita di decorazioni ed articoli che inneggiano ad Halloween.  In Massachusetts – come si sa – l’appuntamento di tradizione celtica trova nella cittadina storica della marineria Salem la sua iconica celebrazione di un mese intero ad iniziare dal 4 Ottobre con la parata d’apertura degli Haunted Happenings: quest’anno il tema é “The Magic of Hocus Pocus“.  Nel mentre a poca distanza nella piccola cittadine di Topsfield dalla fine di Settembre fino all’8 di Ottobre la Topsfield Fair festeggia il suo bicentenario: é la sagra agricola più longeva d’America che intrattiene grandi e piccoli in mostre, giochi, competizioni e svaghi oltre a premiare la più grande zucca del raccolto. A Wareham invece si inneggia alla bacca vermiglia del cranberry con la Cranberry Harvest CranberryCelebration procedendo all’annuale raccolto il 6 e 7 Ottobre, così scenografico: i campi allagati si tingono di rosso e A.D.Makepeace Company – il più grande coltivatore di mirtillo rosso americano e fondatore dell’azienda Ocean Spray cooperativa di coltivatori – invita agli eventi per ammirare lo spettacolo  ed apprendere tutte le benefiche virtù del cranberry nonché la  gamma di ricette e preparati che vanno ben oltre la classica salsa d’accompagnamento al tacchino del Thanksgiving. Musica, il farmer’s market, le gite sul battello a pale ed artigiani in esposizione ne fanno uno dei più brillanti tipici eventi della costa meridionale del Massachusetts, ad un passo tra New Bedford e Cape Cod.

Ottima la scusa per un salto esplorativo al Cape verso Wellfleet che il 13 e 14 Ottobre organizza l’annuale Wellfleet Oyster Fest. Il prelibato mollusco ha origini di pesca ben radicate in questo villaggio che si anima con divertimenti e sapori di cucina locale esclusivamente basata sul pescato, passeggiate guidate, musica dal vivo, una corsa podistica di 5K ed ovviamente la leggendaria competizione spettacolare di “oyster shuck-off”. Il passo é breve per un aliscafo ed una corsa all’isola di Martha’s Vineyard per il Food & Wine Festival. Nell’elegante villaggio di Edgartown, che sprigiona tutte le memorie dell’antica baleneria grazie alle sue splendide dimore, l’appuntamento esalta la tradizione isolana dei campi coltivati  e dei pescherecci combinando talenti culinari e gastronomia alle sue radici: dal pescatore all’ostricaro, dal contadino all’artigiano.

All’interno dello stato, tra campi coltivati, vallate e piccole città si festeggia la mela, frutto ben poco proibito in Massachusetts tale la sua abbondanza con meleti a profusione! Dal 6 al 10 Ottobre la Brookfield Apple Country Fair nel villaggio di Brookfield é lo specchio della classica sagra della tradizione con banchetti artigianali e gastronomici ove la mela regna sovrana con tanto di competizione Appleper la migliore apple pie, ma spiccano anche tutte le arti ed i manufatti artigianali: dal tessile con splendidi quilt, ai diversi articoli con legno intagliato e giocattoli di legno ed ovviamente musica dal vivo. Abbondano generosi i Farmer’s Market: quello di Amherst ad esempio – splendida cittadina collegiale, città natale di Emily Dickinson – espone tutto il mese di Ottobre. La chiusura di questa esperienza km0 in Massachusetts spetta a Boston che riserva dall’11 al 14 Ottobre l’evento The Taste of WGBH Food and Wine Festival presso gli studi televisivi del canale televisivo di Boston WHBH nel quartiere di Brighton, con una cornucopia di sapori che richiama i migliori chef del New England, i produttori, i viticoltori ed i birrai nel creare assaggi a volontà. Ulteriore sapore é offerto dalla musica dal vivo con spettacoli e da dimostrazioni gastronomiche di chef.
 

INFO: massvacation.it – bostonma@themasrl.it – FB Visit Massachusetts Italia

09 Sep

Leaf Peeping nelle Smokies: esplorazione autunnale in Tennessee

By ThemaNuoviMondi

TSUSA_logo_siteD’autunno quando le temperature afose del Sud cominciano a scendere e le foglie degli alberi si manifesteno nei colori del giallo e del bordeaux trasformando il paesaggio in una tavolozza calda, é tempo di esplorare i Monti Appalachi e gli splendidi scenari delle Great Smoky Mountains con oltre  75.00 ettari di pittoreschi scenari.

Durante un viaggio in Tennessee è d’obbligo visitare Memphis e  Nashville per calarsi nello scenario musicale che queste due città emanano giorno e notte. Non si può evitare poi di fare una puntata a Lynchburg ove si produce il Whiskey del Tennessee – il celeberrimo marchio Jack Daniel’s. Per un’esperienza di viaggio autunnale invece si visitano  Cades Cove e Ober Gatlinburg.

Cades Cove è un insediamento pionieristico che risale al 1800 all’interno del Great Smoky Mountain Nationals Park. Qui si perlustrano le case di legno, le fattorie, i mulini e le chiese sentendo l’epoca durante la quale i pionieri vissero. Si sosta davanti a splendide vedute e si ammira la maestosità delle Great Smoky Mountains con la vista che spazia sulle fronde degli alberi che in autunno mutano il colore. Fall in TNCi si può dedicare ad una gita a cavallo con un tour guidato che conduce attraverso sinuosi sentieri tra gli alberi, in una zona praticamente vergine: 2.400 ettari rimasti intatti come 200 anni fa. Questa valle circondata dalle montagne é uno dei tesori del parco nazionale; un tour della Cades Cove Loop Road strada scenografica di 18 km richiede dalle 2 alle 4 ore poiché c’è molto da vedere; la strada é aperta dall’alba al tramonto. Il vantaggio di Cades Cove é che nonostante l’isolamento non é poi così distante dalla civiltà moderna; GATLINBURG é la meta ove presumibilmente si alloggia, considerandone la vasta offerta ricettiva. Qui THE SMOKY MOUNTAIN BREWERY orgogliosamente si presenta come posto ideale per un po’ di relax dopo una mattinata trascorsa a cavallo o a fare hiking. E’ la più antica birreria artigianale del Tennessee orientale e negli ultimi 22 anni ha perfezionato le sue ricette. Dopo un assaggio di birra rinfrescante anche lo shopping é a portata di mano nel donwtown di Gatlinburg: Shops at Ober é una meta ove si trovano dolci e caramelle prodotte localmente, arte e souvenir. Se non bastasse OBER GATLINBURG é un’estensione ideale: con una delle seggiovie più grandi d’America e viste spettacolari sulle Smokies; in quasi 4 km. di escursione si ottengono panoramiche aeree della natura autunnale coi suoi colori vivaci. E’ bene sapere che Ober Gatlinburg è anche una delle tre location dello Stato dove il Department of Tourist Development ha installato uno speciale telescopio “Viewfinder” che consente anche a chi ha problemi di daltonismo di poter ammirare gli straordinari colori autunnali del foliage. Una volta raggiunta la cima ci si svaga tra divertenti negozi e ristoranti. Si consiglia SEASONS of OBER RESTAURANT che oltre agli scenari di stagione abbina ottimi menù: “dinner with a view” é una della sue prerogative da oltre 50 anni! La vacanza continua con una sana colazione nella località di Sevierville all’APPLEWOOD FARMHOUSE RESTAURANT che dispone della più vasta scelta di pancake, waffle ed ovviamente dei caserecci apple cinnamon muffins. Combinata ideale con THE APPLE BARN CIDER MILL: si raccolgono le mele nel meleto, poi si assaggiano le deliziose specialità fatte in casa al general store. E’ un posto ideale ove acquistare la merenda della giornata e godere della bellezza dei paesaggi naturali.

Fatto il pieno, si punta in direzione del THE ISLAND IN PIGEON FORGE per salire sulla ruota panoramica THE GREAT SMOKY MOUNTAIN WHEEL che gira ai piedi delle Great Smoky Mountains a circa 70 metri d’altezza. E dopo queste splendide vedute dall’alto, ci si immerge nei colori accesi a bordo del ROARING FORK MOTOR NATURE TRAIL: una decina di chilometri nel parco nazionale invitano a rallentare il passo per ammirare il paesaggio circostante che alterna ruscelli, foresta, antichi edifici pionieristici fino a RAINBOW FALLS, cascate di 24 metri. Coronate la vacanza e l’itinerario autunnale in Tennessee con una cena che soddisfa palato ed occhi al GREENBRIER RESTAURANT. Ingredienti freschi, atmosfera intima ed – ovviamente – una vista spettacolare grazie alle grandi finestre dal pavimento al soffitto.

TravelSouthUSA@themasrl.it – FB: Travel South USA –  Italiawww.travelsouth.visittheusa.com

02 Sep

Il Direttore del Turismo del Nord Dakota nominato “State Tourism Director of the Year 2018”

By ThemaNuoviMondi

TGAW - Horizontal - Tagline con statiSara Otte Coleman –  Direttore del Turismo dello stato del Nord Dakota – è stata premiata come State Tourism Director of the Year per il 2018. Questo importante riconoscimento viene consegnato a quei professionisti la cui leadership ha portato a considerevoli  miglioramenti e sviluppi nel comparto “travel and tourism” di uno  stato. Coleman è stata premiata davanti ad una platea di Direttori del Turismo durante l’annuale Educational Seminar for Tourism Organizations (ESTO) organizzato dalla U.S. Travel Association, che per il 2018 si è tenuto a Phoenix/AZ tra l’11 ed il 14 agosto scorsi.

“Sara è una risorsa fondamentale per il  North Dakota ed è significativo che i suoi colleghi le abbiano donato questo riconoscimento” ha dichiarato il Governatore dello stato Doug Burgum. “Siamo molti ND Sara Otte Colemangrati a Sara, al suo staff ed ai suoi partner per il costante lavoro atto ad attrarre visitatori nuovi, e non,  verso il leggendario North Dakota. Il turismo è un fattore primario per la crescita della nostra economia, in grado di attirare forza lavoro del 21°secolo  e di generare  entrate per centinaia di attività commerciali fondate sul turismo”. In qualità di Direttore del Turismo della stato, Coleman è incaricata di dirigere lo sviluppo dell’industria, la pianificazione strategia, il posizionamento del brand, il marketing e le relazioni con i media, il coinvolgimento di investitori  ed i servizi per i visitatori.

Da quando ha avuto inizio il suo mandato nel 2003,  la travel industry del North Dakota è cresciuta del 125% ed attualmente produce $3 miliardi l’anno. Coleman si è dedicata con costanza a costruire l’immagine del North Dakota ed a supportare piccole attività commerciali e comunità in tutto lo stato. E’ stata strumentale nell’assicurarsi oltre $110 milioni in fondi dedicati a nuove attrazioni e per operazioni di marketing in tutto lo stato. Durante il suo operato, il budget media annuale è cresciuto da $350,000 al oltre $3 milioni con un consistente ritorno sugli investimenti.

“Sara crede fermamente nella bellezza del North Dakota e nella forza della sua industria del turismo,” ha affermato Roger Dow, Presidente e CEO della U.S. Travel Association. “Questo premio è un riconoscimento sia per la sua dedizione sia per la grande influenza che il suo lavoro ed il suo entusiasmo hanno avuto sull’industria del turismo”.

L’industria del turismo in North Dakota supporta oltre 3.000 attività commerciali e  42.000 posti di lavoro in tutte le contee dello stato; dagli aeroporti ai ristoranti, il turismo in North Dakota genera oltre $3 miliardi l’anno.

Il National Council of State Tourism Directors della U.S. Travel Association — ente che rappresenta gli uffici del turismo di tutti gli stati e dei territori statunitensi — vota per il premio ogni anno prima di ESTO, il più importante incontro annuale per professionisti in materia di destination marketing. I candidati per lo State Tourism Director of the Year sono nominati da una giuria di direttori del turismo di stati e territori. Per maggiori informazioni: https://esto.ustravel.org/

INFO: The Great American West – Italia – https://greatamericanwest.it/

 rockymountain@themasrl.it – FB: The Great American West – Italia  

29 Aug

Giornate autunnali a Chappaquiddick

By ThemaNuoviMondi

PrintUna breve vacanza autunnale a Martha’s Vineyard é la cura giusta per accettare la fine dell’estate, ma anche per gioire dei colori della natura ad ottobre su una della più belle isole americane, la più grande del New England. I villaggi sull’isola sono sei, ed in ognuno abbondano gli alloggi di charme.

Se volete memorie marinare, scegliete il villaggio di Edgartown ove ebbe il culmine l’epoca d’oro della baleneria ed i ricchi armatori costruirono dimore che ancora oggi si ergono a testimonianza dei fasti marittimi. Tre boutique hotel intimi con design d’avanguardia meritano l’attenzione. The Sydney ha profonde radici a Vineyard e comprende anche l’elegante casa del 19° secolo del baleniere Charles Williams Fisher, piccolo gioiello nel cuore di Edgartown e sede del famoso ristorante L’Etoile. Dalla porta d’entrata si accede alla Water Street, uno degli indirizzi più ricercati di Edgartown con i suoi negozi, le gallerie d’arte ed i ristoranti gourmet; a pochi passi il famoso Edgartown Harbor e con una piacevole passeggiata si raggiunge la Lighthouse Beach dove sorge uno dei cinque fari dell’isola. Da non mancare la Norton Point Beach che d’autunno con la sua distesa piatta di sabbia diventa mensa di nutrimento e suolo di riposo per gli uccelli migratori. A poca distanza sorge il The Christopher (ex Victorian Inn): chic, poco pretenzioso, lusso accogliente. Relax tra azzurri ariosi, toni di viola e tocchi d’arancione; il cortile esterno offre angoli d’ombra e soleggiati per poltrire o per godere del mixer bar Byob. Infine The Richards (ex Point way Inn) é lussuosamente decorato da mano sofisticata, che ne ha curato dettagli ispirati alla costa tanto da rendere l’ambiente così privato come una casa al mare. La designer bostoniana Rachel Reider ha creato una tavolozza di caldi colori neutri, tonalità naturali fresche e bianchi accesi che enfatizzano i sontuosi neri, i viola regali e gli smeraldi.  Il risultato é come una fresca e rinvigorente giornata d’autunno nel New England.

Con una tale ospitalità opulenta ma non ostentata, potete svagarvi perlustrando Chappaquiddick, Chappaquiddickl’isoletta al largo di Edgartown. L’isola ha guadagnato la sua notorietà con l’incidente di Ted Kennedy nel 1969, ma c’é molto di più da vedere oltre l’infausto ponte! Per raggiungere la piccola isola é necessario prendere l’ “On Time ferry to Chappy” (i due traghetti si chiamano On Time I e On Time II), una chiatta con trasbordo d’auto che avanti ed indietro copre i 160 metri del canale tra le due sponde isolane. Molte attrattive di Chappaquiddick distano dal pontile d’attracco ed é quindi meglio avere un’auto o una bicicletta.  Con la bici é pratico raggiungere la punta di Wasque Point per fare un bel picnic. Poi si punta verso Litchfield Rd. per circa 7 km ove si trova una splendida spiaggia per una bella passeggiata,  per pescare o semplicemente per prendere il sole. Guidate fino a Cape Poge per ammirare il faro ed esplorare il Wildlife Refuge. Questa riserva sorge su una splendida spiaggia di barriera con il suo arenile di sabbia, le lagune salmastre e un boschetto unico di cedri; si godono spettacolari albe e l’ineguagliabile spettacolo di aironi blu che spiccano il volo dalle lagune.  Ci sono tour guidati sulle dune di sabbia fino al faro, per soli $20. Cape Poge Lighthouse fu eretto nel 1801 ad aiutò i marinai nella guida delle navi attraverso le basse acque del  Muskeget Channel fino all’Edgartown Harbor.Splendide le vedute della punta ed anche la salita sulla scala a spirale in cima al faro.

Come uno smeraldo luccica il giardino intimo in stile giapponese Mytoi che offre serenità naturale e contemplazione a chi vi s’avventura. All’ombra di un bosco di pini la riserva include un laghetto, un’isola, fiori e piante native e non, sentieri che conducono ad un percorso di betulle ed uno stone garden;  l’ambiente terrestre é di una bellezza singolare, ma in aggiunta un altro sentiero accompagna al Poucha Pond ed alla laguna salmastra che ospitano tartarughe, rane e pesci rossi. Ogni tanto un falco vola in picchiata dal cielo a caccia di pesci. L’attrattiva maestra é il laghetto con l’isola che si raggiunge camminando su un ponticello. I sentieri conducono ad isole fiorite ed il paesaggio invita ad immergersi nella meditazione. La parola “Mytoi” non si traduce in giapponese. Hugh Jones, creatore di Mytoi, trascorse così tanto tempo nel suo giardino tanto da riferirsi ad esso quale suo “toy.” Chiamò il giardino “my toy,” scritto “M-Y-T-O-I”.

I golfisti provvisti dei propri bastoni possono giocare allo storico Royal & Ancient Chappaquiddick Links, creato nel 1887; questo campo ha una bella paesaggistica ed il gioco risulta lungamente  piacevole, spostandosi senza golf cart poiché non sono contemplate. Dopo una giornata esplorando Chappy, si rientra ad Edgartown per un cocktail e per la cena. Si avrà la sensazione  d’affollamento dopo la pace sovrana di Chappaquiddick !

INFO: massvacation.it – bostonma@themasrl.it – FB Visit Massachusetts Italia

24 Aug

Paducah: UNESCO CREATIVE CITY nel Kentucky

By ThemaNuoviMondi

TSUSA_logo_siteNel cuore di un’America ricca di vie d’acqua, Paducah é nella regione Western Waterlands del Kentucky: l’angolo sud occidentale dello Stato. Paducah é a metà strada tra Nashville e St. Louis e sorge alla confluenza di due fiumi – Ohio e Tennessee – in un contesto naturalistico assolutamente poderoso, che offre straordinarie esperienze outdoor. Oltre il fiume Ohio che attraversa la città, c’é l’Illinois. Fu fondata da Clark, sempre lui, l’esploratore che con Lewis trovò il passaggio a Nord-Ovest, ed è proprio la via d’acqua che consentì ai nativi indiani Chickasaw di fare scambi commerciali e rimanere in contatto con altre tribù. Più tardi i battelli a vapore solcarono le acque, preludio all’economia River & Rail  della metà dell’800. Oggi i variopinti murali di  “Wall to Wall” (oltre 50!) lungo il fiume narrano la storia nautica della città ed il suo retaggio nativo indiano. Camminando in città si ammirano classiche architetture di fine secolo mischiate a moderne, poi fabbriche riconvertite quali centri di gastronomia, shopping ed arte. Il Lower Town Arts District é completamente ristrutturato così come l’Historic Downtown del 19° secolo. Paducah sembra radunare gente con la stessa mentalità, innovativa e creativa. E questo modo avanzato di essere per costruire città più forti grazie alla  creatività, alla cultura ed all’innovazione l’ha resa una delle 9 città americane UNESCO Creative City nel campo specifico della Crafts & Folk Art. Come afferma il professor Hutchins, antropologo:  Paducah, KYL’occhio satellitare mette Paducah nel network delle città del globo che sono cucite insieme dall’arte creativa“. La sua specialità é il quilt il cui baluardo é il   National Quilt Museum, portale dell’esperienza moderna con mostre e seminari di rinomati quilter che applicano idee creative e s’avvicinano all’arte tessile. La collezione museale vanta oltre 500 pezzi d’arte tessile di famosi artisti internazionali del quilt. Il museo é di fatto la meta culturale per eccellenza tanto da attirare ogni anno accoliti internazionali, 40.000 quilter e patiti d’arte; mostre a rotazione di quilt professionali e d’arte tessile fanno ne fanno la maggiore attrattiva della città! Da oltre 30 anni Paducah ospita uno dei più grandi quilt show del Nord America, la “QuiltWeek Paducah” dell’ American Quilter’s Society basata appunto a Paducah. Oggi la QuiltWeek®si svolge due volte l’anno, ad aprile e settembre, con una competizione che vede oltre 400 quilt concorrere per il premio di $ 120.000.  La competizione internazionale presenta quilt che usano una varietà di tecniche usate dai quilmaker di tutto il mondo, mentre si svolgono workshop e seminari con alcuni tra i migliori istruttori del mondo e corsi alla Paducah School of Art & Design. Merchant Malls infine é il vero paradiso del quilter per lo shopping. Un’occasione per ammirare l’esposizione Bourbon in the Bluegrass: The Bourbon Diamond Quilts of MJ Kinman -The “Bourbon Diamond” é una serie che celebra lo spirito iconico del Kentucky attraverso la tessitura del quilt, una delle arti più amate dal Commonwealth del Kentucky. Ogni quilt s’ispira ad uno specifico distillatore di bourbon del Kentucky.
National Quilt Musuem, PaducahE’ facile esaltare la propria creatività a Paducah: si possono frequentare corsi di pittura, scultura, scrittura, cucina e recitazione. Adulti e giovani con esperienze ad ogni livello ed interessi creativi diversi possono  scegliere la propria tendenza con corsi individuali o di gruppo. Si stimano una ventina di esperienze creative disponibili in città. Poi si può esplorare la città a piedi, in bici, in carrozza; tra i tanti percorsi ovviamente non manca il QUILT BLOCK TRAIL. Ben 32 sono le tappe di questo viaggio nel mondo del quilt, ognuna con un quilt affisso ad un edificio distinto – fattoria, fienile, negozio o ristorante – e tutti comunque a Paducah. Si inizia dal “Limelight” nel down-town al National Quilt Museum e si prosegue in ordine di marcia, con l’ausilio del GPS; il tour se fatto un auto,  consente di visitare percorsi rurali. Molti dei motivi dei quilt e degli edifici di campagna narrano storie affascinanti che sono state documentate. La Kentucky Route 32 si snoda attraverso letti fluviali, pascoli e foreste. Questo progetto intende valorizzare la tradizione del quilt, le tradizioni dei contadini, la bellezza della comunità e promuove il turismo della tradizione culturale e dei mestieri legati al quilt.
Miscelate l’esperienza culturale con la ricreazione all’aria aperta attorno a Paducah; dedicatevi ad un’attività tra le tante disponibili per godere del Kentucky Lake, Lake Barkley e Land Between the Lakes che offrono oltre oltre 4.800 km di coste per avvistamento dell’avifauna e della fauna selvatica e  camminate.

Info : TravelSouth USA Italia

TravelSouthUSA@themasrl.it – FB: Travel South USA –  Italia

www.travelsouth.visittheusa.com

22 Jul

Dine Out Boston, Summer 2018

By ThemaNuoviMondi

PrintTorna con successo la Dine Out Boston che per due volte l’anno – d’estate ad Agosto e d’inverno a Marzo – coinvolge oltre un centinaio di ristoratori della città di Boston a proporre e creare  menù a prezzi calmierati per pranzo o cena.

Dal 5 al 10 e dal 12 al 17 Agosto selezionati ristoranti di Boston personalizzano il proprio menù del pranzo e della cena offrendo tre prezzi fissi: pranzo a 15$, 20$ e 25$; cena da 28$, 33$ e 38$.

BOS Dine OutIl numero delle portate é indifferente: ogni ristorante può aggiungerne quante ne desidera per il prezzo convenuto. C’è l’imbarazzo della scelta: si va dal ristornate specializzato in squisiti piatti tipici del New England come il Summer Shack nel bel quartiere di Back Bay o The Hourly Oyster House a Cambridge ai ristoranti italiani Bacco o Aria Trattoria situati a North End, la “Little Italy” di Boston fino alla cucina messicana proposta da Besito Mexican che ha più location nell’area della. Greater Boston

La lista completa dei ristoranti che partecipano all’iniziativa si trova al seguente LINK  – Info sulla pagine FB ufficiale Dine Out Boston

Prenotazioni su http://www.dineoutboston.com oppure contattando direttamente i locali.

INFO: Ufficio Turismo Massachusetts

www.massvacation.it – FB: Visit Massachusetts Italia – bostonma@themasrl.it

15 Jul

Historic Deadwood, South Dakota

By ThemaNuoviMondi

TGAW - Horizontal - Tagline con statiDeadwood,nel nord delle Black Hills del South Dakota, ha molto da offrire: è una cittadina storica, autentica, oggi National Historic Landmark,  un vero spaccato del West e della Corsa all’Oro. Agli appassionati di gioco d’azzardo e di storia del West, la cittadina mineraria del 1876 offre la stessa fortuna dei cercatori d’oro d’un tempo. All’epoca arrivarono uomini e donne in cerca di fortuna in questa valle colma d’alberi e di un fiume carico d’oro. Il gioco d’azzardo é disponibile in almeno 80 Deadwood Gaming Parlor, dove l’atmosfera non é molto Deadwood 2cambiata dai tempi del pistolero Wild Bill Hickok, durante i giorni della Corsa all’Oro. Ed è proprio al Mount Moriah Cemtery  che si visita  la tombe del fuorilegge e anche quella della leggendaria Calamity Jane.
Ogni estate si rivive il passato assistendo ai regolamenti di conto con le rievocazioni  con i Gun Fights sulla  Main Street di  Deadwood: da lunedì a sabato alle 14, 16 e  alle 18

Deadwood 1L’ Adams Museum è  il più antico museo della città ed è colmo di misteri, tragedie e sogni, storia, arte. W.E. Adams fondarono questo piccolo museo per preservare la storia di  Deadwood  e delle Black Hills.  Ingresso gratuito .

Il Days of ’76 Museum rende omaggio al patrimonio passato di cowboy e pionieri della città. Molto bella è  la collezione di carrozze e carri del vecchio West. Dal  24 al 28 luglio è possibile assistere ai Days of 76 con la storica parata del 28 Luglio sulla Main Street e al tradizionale rodeo.

Un’altra visita interessante ed avvincente é al Tatanka, Story of the Bison. Commissionato da Kevin Costner, Tatanka è un centro interpretativo state-of-the-art che narra la storia del bisonte e dell’uomo tramite esposizioni interattive. Situato sull US Highway 85 a sud della città, la sua attrattiva principale è un’ impressionante scultura in bronzo che raffigura una scena di caccia al bisonte da parte nativi Lakota-Dakota: 14 bisonti inseguiti in una corsa da tre guerrieri Lakota sono sul dirupo di  un buffalo jump. Questa tecnica di caccia consentiva di uccidere un gran numero di animali per provvedere al nutrimento, alle pelli per l’abbigliamento ed i Teepee, alle ossa ed agli zoccoli per creare suppellettili. Nel famoso film Balla coi Lupi, girato tra l’altro interamente in South Dakota,  una scena di caccia ai bisonti impressionò maggiormente Kostner al punto di commissionare questa nuova scultura monumento all’artista Peggy Detmers, poi realizzata in una fonderia di Lander nel Wyoming. L’attrattiva ospita anche un campo tendato Lakota del 1845 che ritrae la vita dei Lakota Sioux, con interpreti Lakota vestiti con abiti risalenti all’epoca.

Info sul South Dakota: https://greatamericanwest.it/south-dakota/

INFO: The Great American West – Italia – https://greatamericanwest.it/

rockymountain@themasrl.it – FB: The Great American West – Italia  

24 Jun

In Nord America la FIFA World Cup 2026

By ThemaNuoviMondi

Print

Il 68° FIFA Congress ha selezionato la candidatura unita di Canada, Messico e Stati Uniti d’America, per ospitare la FIFA World Cup 2026.  Il Greater Boston Convention & Visitors Bureau (GBCVB) ha stretto un’alleanza con Kraft Group, l’ufficio del Sindaco per Turismo, Sport e Spettacolo ed il Massachusetts Office of Travel & Tourism per presentare Boston ed il Massachusetts quale meta internazionale di punta meritevole di ospitare le partite della World Cup 2026. “Desidero ringraziare in modo particolare Robert Kraft, proprietario delle squadre dei New England Revolution e New England Patriots, per il suo impegno nella candidatura, specialmente a livello nazionale, quale presidente onorario del comitato di candidatura” afferma  il  Presidente & CEO del Greater Boston Convention and Visitors Bureau, Pat Moscaritolo. 

2026

La candidatura United/Canada-Usa-Messico è stata efficace per la sua capacità infrastrutturale imbattibile: 23 stadi, 150 complessi per allenamenti e milioni di camere d’albergo. 23 le città finaliste della candidatura univoca, ma solo 10 le città statunitensi che saranno elette a Giugno 2020 per ospitare le partite del 2026. L’impatto economico dei tornei del 2026 sarà senza precedenti, considerando l’espansione da 32 a 48 squadre. Con circa 6 milioni di spettatori attesi e 80 partite, la competizione si presuppone che possa generare introiti per circa 14 Miliardi di dollari.

A Moscaritolo vanno i riconoscimenti delle competizioni della World Cup 1994, quando Boston e Foxboro ospitarono le partite che siglarono Boston città di classe mondiale per eventi internazionali. All’epoca i visitatori internazionali aumentarono del 50% nei cinque anni successivi la World Cup. Ora l’alleanza dei partner in Massachusetts è concentrata  a convincere la FIFA a selezionare Boston tra le dieci città ospitanti nel 2026. ” Boston ed il suo aeroporto Logan Airport spiccano per servire 60 destinazioni internazionali con voli diretti, ed il Gillette Stadium è una struttura state-of-the-art che ha già ospitato importanti eventi internazionali. Si aggiungono ulteriori 7.000 camere d’albergo a quelle disponibili nel 1994. Ritengo che ci siano tutte le credenziali per convincere FIFA” aggiunge Moscaritolo.

Info: Ufficio Turismo Massachusetts

www.massvacation.it – FB Visit Massachusetts Italia –

Bostonma@themasrl.it

Phone

+39 02.33105841

Fax

+39 02.33105827

Address

Thema Srl
Via Pisacane, 26
20129 Milano

Contact Us





Please write here


Send

Chiudi scheda contatti