Per offrirti un servizio su misura www.themasrl.it utilizza cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione nel sito ne autorizzi l'uso.  OK   Scopri di più

24 giu

In Nord America la FIFA World Cup 2026

By ThemaNuoviMondi

Print

Il 68° FIFA Congress ha selezionato la candidatura unita di Canada, Messico e Stati Uniti d’America, per ospitare la FIFA World Cup 2026.  Il Greater Boston Convention & Visitors Bureau (GBCVB) ha stretto un’alleanza con Kraft Group, l’ufficio del Sindaco per Turismo, Sport e Spettacolo ed il Massachusetts Office of Travel & Tourism per presentare Boston ed il Massachusetts quale meta internazionale di punta meritevole di ospitare le partite della World Cup 2026. “Desidero ringraziare in modo particolare Robert Kraft, proprietario delle squadre dei New England Revolution e New England Patriots, per il suo impegno nella candidatura, specialmente a livello nazionale, quale presidente onorario del comitato di candidatura” afferma  il  Presidente & CEO del Greater Boston Convention and Visitors Bureau, Pat Moscaritolo. 

2026

La candidatura United/Canada-Usa-Messico è stata efficace per la sua capacità infrastrutturale imbattibile: 23 stadi, 150 complessi per allenamenti e milioni di camere d’albergo. 23 le città finaliste della candidatura univoca, ma solo 10 le città statunitensi che saranno elette a Giugno 2020 per ospitare le partite del 2026. L’impatto economico dei tornei del 2026 sarà senza precedenti, considerando l’espansione da 32 a 48 squadre. Con circa 6 milioni di spettatori attesi e 80 partite, la competizione si presuppone che possa generare introiti per circa 14 Miliardi di dollari.

A Moscaritolo vanno i riconoscimenti delle competizioni della World Cup 1994, quando Boston e Foxboro ospitarono le partite che siglarono Boston città di classe mondiale per eventi internazionali. All’epoca i visitatori internazionali aumentarono del 50% nei cinque anni successivi la World Cup. Ora l’alleanza dei partner in Massachusetts è concentrata  a convincere la FIFA a selezionare Boston tra le dieci città ospitanti nel 2026. ” Boston ed il suo aeroporto Logan Airport spiccano per servire 60 destinazioni internazionali con voli diretti, ed il Gillette Stadium è una struttura state-of-the-art che ha già ospitato importanti eventi internazionali. Si aggiungono ulteriori 7.000 camere d’albergo a quelle disponibili nel 1994. Ritengo che ci siano tutte le credenziali per convincere FIFA” aggiunge Moscaritolo.

Info: Ufficio Turismo Massachusetts

www.massvacation.it – FB Visit Massachusetts Italia –

Bostonma@themasrl.it


Telefono

+39 02.33105841

Fax

+39 02.33105827

Recapiti

Thema Srl
Via Pisacane, 26
20129 Milano

Contattaci





Inserire qui la vostra richiesta


Invia

Chiudi scheda contatti